15 novembre 2019 ~ 0 Commenti

Acne e problematiche moderne

Cosa c’entra l’uso smodato dei telefonini con l’acne? Ce lo spiega il professore Antonino di Pietro, semplicemente facendo notare che sui display dei cellulari si depositano milioni di microrganismi e questi microrganismi vengono a contatto con la pelle del viso che, se già fragilizzata da pustole dell’acne, può infettarsi in maniera più importante e significativa proprio grazie a questo passaggio.

Ecco quindi che, oltre a l’utilizzo di auricolari che possano allontanare il cellulare dal cervello, (cosa che sopratutto per i giovani è molto importante per diminuire il rischio di problematiche ben più gravi rispetto a l’acne), un buon consiglio che possiamo dare è quello di fare attenzione alla superficie dei dispositivi elettronici che vengono a contatto con la pelle.

Un altro dei grossi problemi che i dermatologi stanno riscontrando negli ultimi anni è la difficoltà nel curare l’acne con le terapie antibiotiche, questo per la resistenza batterica che si riscontra a livello mondiale. Il batterio gram positivo anaerobio facoltativo Propionbacterium acnes, che vive nei follicoli piliferi normalmente nell’uomo come commensale, nel soggetto acneico si sviluppa creando la patologia. E come tantissimi altri batteri è diventato più resistente agli antibiotici, creando difficoltà nella cura dei soggetti con acne.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali