06 maggio 2014 ~ 0 Commenti

Ancora sulla comunicazione: i cestoni che non comunicano benessere

Torno su un argomento che ha attirato la vostra attenzione qualche giorno fa. La comunicazione del benessere e della dermocosmesi in ambito farmacia.

Vi faccio una domanda: quando andate a fare la spesa e tra le corsie buttate l’occhio nei cestoni di offerte, la prima parola che vi viene in mente è PREZZO o QUALITA’ ? Domanda banalissima, visto che i cestoni sono messi lì per comunicare un PREZZO CONVENIENTE. La possibilità di scegliere tra oggetti messi alla rinfusa è un meccanismo utilizzato dalla grande distribuzione per creare vendite, riempire i carrelli, fare numero ( la confusione, come messaggio subliminale, fa percepire un prezzo ancora più basso, mentre l’ordine dà l’idea di prezzo alto). Siamo così sicuri che in farmacia ci sia così bisogno di ‘fare numero’ ? Riempire i carrelli ? Avete per caso i carrelli in farmacia e le persone passano tra gli scaffali alla ricerca del prezzo più conveniente ? Non credo.

Non sono contro le offerte, ben inteso! Ma queste vanno ponderate, monitorate e variate per qualità e quantità in maniera scientifica e oculata.

Ha senso secondo voi utilizzare un metro quadro della vostra esposizione per mettere tutto l’anno esposti i dentifrici a 1 euro o gli spazzolini a 50 centesimi ? ‘AH ma ne vendiamo tantissimi’ questa è la risposta di molti di voi. Ora fate i calcoli dello spazio utilizzato per venderli e del guadagno. Non ci state dentro con i conti, ve lo posso assicurare. Se il messaggio è: lo faccio come servizio oppure ‘faccio vedere che anche io ho gli spazzolini a prezzo basso, non solo il supermercato’ allora ci sto, ma non fatelo per tutto l’anno e piuttosto utilizzate spazio per fare promozioni corrette e dare messaggi coerenti con il canale farmacia.

Si a promozioni coerenti, lineari e utili ai clienti, come le campagne sui solari o le creme per la pelle secca d’inverno o la dermatite atopica dei bambini ad esempio. No alla massificazione che svilisce il nostro mestiere.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali