24 ottobre 2018 ~ 0 Commenti

Caso Goovi: come Michelle Hunziker può insegnarci qualcosa

A fine settembre Michelle Hunziker, la showgirl che non vi devo credo presentare, ha lanciato sul mercato una linea di prodotti che si chiama Goovi, abbreviazione di The Good Vibes, ovvero “buone vibrazoni”.

Vi parlo di questi prodotti, non per farne una recensione sia ben chiaro, ma per spiegare che cosa c’è dietro a questo progetto e cone credo che Michelle e chi lavora con lei abbia centrato un punto chiave per attirare un target importante di clienti. E visto che questi prodotti verranno venduti anche nelle farmacie, è giusto che noi li conosciamo.

Innanzitutto Michelle, presentando questi prodotti non ha fatto l’elenco delle referenze, e se fate bene attenzione neanch’io vi ho detto di che prodotti si tratta, adesso ci arriviamo.

Michelle ha detto invece una frase chiave ” ho sempre desiderato dei prodotti per la famiglia, che rendessero le mie giornate più semplici e salutari, ma che allo stesso tempo fossero divertenti, perché l’allegria è un aspetto importante della mia vita”.

Attenzione attenzione, parla di allegria e di filosofia di vita semplice e salutare per descrivere quello che ha voluto creare attraverso i prodotti Goovi.

Se ci pensate bene, è una modalità completamente diversa rispetto a quella che vuole , nel lancio di una linea di prodotti, descrivere le qualità e le virtù.

Seconda cosa, non sono solo prodotti cosmetici! Non viene venduto il singolo prodotto ma la filosofia che ci sta dietro: ecco che, a cosmetici naturali, 100% made in Italy, con ingredienti ecocompatibili e dermatologicamente testati e delicati sulla pelle di grandi e piccini, si aggiungono integratori per il benessere della donna nelle varie fasi della vita, integratori per la bellezza e per un sonno tranquillo. Ma non solo: c’è tutta una linea di detergenti per la casa biologici e non tossici.

Michelle in questo caso ha fatto scuola: ci dice che il mondo è cambiato, che vendere i prodotti singoli non porta a niente, che sul mercato non esiste nulla del genere.

Ci avevano già provato, con successo, attrici come Gwyneth Paltrow, che attraverso i suoi consigli di salute, riesce a vendere prodotti e ha creato un piccolo impero. Il successo di queste iniziative sta proprio nel fatto che dietro a tutto c’è un nuovo modo di pensare, un nuovo modo di volersi bene, e di pensare al benessere globale.

Lo ripeto spesso durante le lezioni ai farmacisti: non dobbiamo vendere prodotti, ma vendere, o perlomeno proporre al cliente la nostra professionalità. Solo in seguito riusciremo a vendere prodotti.

I miei complimenti a Michelle Hunziker, che con questo progetto imprenditoriale ci fa una vera e propria lezione di marketing moderno, che non mette più al centro il prodotto ma la persona.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali