26 novembre 2018 ~ 2 Commenti

Ci risiamo: se quell’azienda vende in grande distribuzione, io la elimino dalla farmacia

Nei gruppi di farmacisti sui social spesso succede di trovare Post o immagini che riconducono ad aziende cosmetiche presenti sia in farmacia che nella grande distribuzione organizzata. E puntuali i commenti dei colleghi che affermano come sia importante eliminare dalla farmacia quelle ditte che vengono vendute anche al supermercato.

Ragioniamo su questo concetto.

Innanzitutto bisogna fare un vero e proprio distinguo tra supermercato con o senza parafarmacia all’interno. C’è una bella differenza fra le due modalità: nel primo caso è ovvio che l’assenza del farmacista e la presenza dei prodotti cosmetici sugli scaffali insieme a merendine e detersivi non è qualificante né per l’azienda stessa né per il farmacista che deve poi riproporre gli stessi prodotti all’interno della farmacia, risultando credibile agli occhi del cliente.

Altro fatto è trovare i prodotti delle aziende dermocosmetiche vendute in farmacia anche nei Corner parafarmacia della GDO.

Questo è un fatto ineluttabile, che dobbiamo bene o male digerire. Non si può fare di tutta l’erba un fascio e non si possono eliminare aziende dermocosmetiche solo perché non le vendiamo unicamente noi. Dobbiamo andare oltre questo concetto e dobbiamo anche trovare il meccanismo per far entrare ancora i clienti in farmacia piuttosto che negli altri punti vendita dove possono trovare gli stessi prodotti. Lavorare solo con aziende di nicchia non è sempre la strada migliore.

Occorre cercare una chiave di lettura diversa, per non mettere al centro il prodotto sempre e comunque, ma concentrarsi sulla qualità di servizio e sulla importanza del farmacista come figura di aiuto, consiglio, figura formata e qualificata.

Se continuerete ad eliminare aziende solo perché le trovate altrove, vi ritroverete ben presto la farmacia svuotata.

Poi sono d’accordo con voi, vedere i “nostri” prodotti esposti vicino al reparto carni non fa un gran bell’effetto e potete credermi, neanche le aziende vogliono questo.

Nella foto che vedete qui, ad esempio, si scorge il cartello dei panni di pulizia: credo che tocchi al cliente scegliere se acquistare e farsi consigliare in farmacia o di fianco al mocio Vileda. Non alle aziende, che vendono i prodotti farmaceutici e cosmetici in entrambi i punti vendita.

Poi c’è chi fa girare foto faziose, come questa

asserendo che questa azienda si trovi in mezzo al reparto carni.

Salvo poi riguardare la foto dall’angolazione opposta per capire che questo espositore è all’interno della parafarmacia. Come dico sempre: Attenzione attenzione, attenzione!!

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali