08 aprile 2021 ~ 0 Commenti

Cosmesi Sicura. Focus sugli ingredienti sotto accusa

DemWebinarPenazzi400x200

Link per iscrizione

D: Perché siamo costretti a parlare di Cosmesi Sicura quando la sicurezza dovrebbe essere implicita nella definizione di cosmetico.

Infatti, l’Articolo 3 del Regolamento Cosmetico sancisce:
I prodotti cosmetici messi a disposizione sul mercato sono sicuri per la salute umana se utilizzati in condizioni normali o ragionevolmente prevedibili tenuto conto quanto segue:
a)            presentazione, compresa la conformità alla direttiva 87/357/CEE; (deve essere chiara e NON confondente)
b)           etichettatura;
c)            istruzioni per l’uso e l’eliminazione;
d)           qualsiasi altra indicazione o informazione da parte della persona responsabile definita dall’articolo 4.

Risponde La Dott.ssa Barbara Catozzi, Cosmetologa esperta di Regolatorio che, insieme a me terrà questo corso, organizzato da Edra in formato Webinar il 27 aprile p.v.

R: Proprio così, il reg. 1223/2009 garantisce che il cosmetico in commercio sia sicuro in quanto è prevista, prima dell’immissione in commercio, una valutazione della sicurezza del prodotto finito su dati di letteratura e su base documentale per ogni materia prima che compone il prodotto cosmetico. Si analizza il profilo tossicologico sulla base delle schede di sicurezza e delle linee guida europee ed internazionali che stabiliscono parametri di sicurezza per ogni sostanza utilizzata.

La valutazione della sicurezza fa parte di un documento chiamato PIF (product information file) e viene redatto da un esperto laureato nelle discipline scientifiche autorizzate secondo le indicazioni di ciascuno stato membro della comunità europea.

D: Se da un lato il Regolamento Cosmetico è molto rigido in termini di sicurezza, dall’altro, il marketing negli anni ha creato allarmismi infondati con i suoi claim del “free from”, tanto che alle volte capitano in mano prodotti con una lista così lunga di “senza” che davvero ci si chiede che cosa contengano …. Ma questi ingredienti, come i parabeni, i siliconi, i petrolati, i PEG, e tantissimi altri che sono dichiarati come “senza”, sono così dannosi e pericolosi per la salute?

R: Vi sono delle linee guida redatte da commissioni di autorevoli scienziati e vi sono diverse fonti a cui attingere, europee ed internazionali. Per citarne una su tutte a livello europeo il Comitato Scientifico per la Sicurezza del Consumatori. Per ciascuna delle sostanze controverse SCCs ed ECHA si prodigano nell’aggiornamento costante delle linee guida per quanto riguarda il profilo tossicologico delle sostanze. Sostanze  come siliconi, PEG, paraffine o conservanti e antiossidanti sono utilizzate nell’industria farmaceutica e alimentare senza subire questa discriminazione. Si cerca anche di ridurre l’impatto ambientale che queste sostanze possono avere per evitare che risultino dannose agli ecosistemi marini e terrestri in cui viviamo e di cui per altro ci nutriamo.

Rimanete con noi il 27 aprile al Corso di Cosmesi Sicura con la Dott.ssa Giulia Penazzi e Dott.ssa Barbara Catozzi.

In questo corso esploreremo questi argomenti insieme, parleremo di tutti gli ingredienti scomodi della “cosmesi del senza”, però ne parleremo con fonti ufficiali alla mano.

 http://www.edracorsi.it/catalogo-corsi/corso-farmacisti-cosmesi-sicura/

 

 

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali