27 marzo 2020 ~ 1 Commento

Gdf contesta vendita di cosmetici durante l’emergenza: risponde l’esperto

Nel caos coronavirus ci mancava anche un’impennata di controlli della Guardia di Finanza e dei NAS che verbalizzano a tutto spiano in tutte le farmacie d’Italia, ricercando in particolar modo mascherine vendute a prezzi esorbitanti oppure gel mani con etichette non consone. Ma quello che è avvenuto in una farmacia settimana scorsa ha dell’incredibile, in quanto la Guardia di Finanza ha contestato la vendita di cosmetici intimando la chiusura intera del reparto con tanto di cartello per prodotti invendibili.

Il Professor Maurizio Cini, grande esperto di Legislazione, dà la sua risposta a queste contestazioni:

VENDITA DI COSMETICI IN FARMACIA AI TEMPI DEL COVID-19

Trovo doveroso fare la seguente precisazione circa i dubbi sorti da ieri sulla legittimità della vendita in farmacia, in questo periodo, dei prodotti cosmetici. Ebbene tengo a precisare che i cosmetici sono inseriti nella “Tabella per titolari di farmacia”, richiamata e mantenuta vigente dal D.Lgs n. 94/98 di riforma del commercio voluta dall’allora ministro Bersani. Con tale legge si escludono le farmacie dalla disciplina del commercio per quanto attiene ai medicinali, ai presidi medico-chirurgici, ai dispositivi medici ecc. Per tutti gli altri prodotti, genericamente conosciuti come “parafarmaceutici”, viene in soccorso la “Tabella per titolari di farmacia” che risale al 1985 e che non è stata abrogata. In tale tabella sono compresi, oltre ai cosmetici, tutti i prodotti per una alimentazione particolare (dietetici e, quindi, anche tutti gli integratori alimentari), ma anche gli articoli sanitari, gli alimenti per piccoli animali, gli articoli per l’igiene della persona (che sono cosmetici).Pertanto nessuno può impedire (se non con legge) la vendita in farmacia dei prodotti cosmetici, sia igienici che estetici, senza vietare anche la vendita dei “prodotti per l’infanzia, gli anziani e gli ammalati” che sono oggi ricompresi per buona parte negli integratori alimentari. Qualunque contestazione vi venisse mossa sostenete questa tesi e giratela ad ASFI (asfi@asfionline.it).

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali