23 gennaio 2019 ~ 0 Commenti

La Brexit e i cosmetici: cosa potrebbe cambiare?

La polemica è scattata dopo le dichiarazioni sull’autorevole giornale The Guardian, che in un articolo ha commentato che, con l’uscita dall’UE, in Inghilterra potrebbero decadere tutti i parametri di sicurezza voluti dalla Legge Europea sui cosmetici. Si legge sul quotidiano britannico: ‘ Come ti sentiresti a metter sulle unghie una manciata di formaldeide?’ . Le leggi europee, in materia cosmetica, come sappiamo sono molto restrittive e negli anni hanno permesso di aumentare molto la sicurezza di tutto ciò che viene spalmato su viso e corpo. nei paesi extra UE, dove queste regole non sono in vigore, è possibile invece trovare ancora ingredienti vietati dalla UE, perchè tossici e cancerogeni. Subito dopo l’articolo, si è fatta sentire l’associazione britannica per i prodotti cosmetici, CTPA, ha affermato come “i prodotti cosmetici continueranno a essere sicuri dopo la Brexit” facendo seguito alla  affermazione secondo cui gli standard sulla sicurezza per la bellezza potrebbero cambiare nel Regno Unito una volta uscita dall’UE. L’associazione inglese rassicura i cittadini quindi, spiegando che anche se ci dovessero essere nuove leggi, queste richiameranno quelle già in vigore nella Comunità europea’ e questo varrà sia sulla scelta degli ingredienti che sui prodotti finiti.

 

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali