28 ottobre 2019 ~ 0 Commenti

No alle aziende che chiedono impianti di migliaia di euro!

Secondo voi, ormai del 2020, è plausibile firmare accordi con aziende che chiedono un impianto di 15000 EUR se non di più, per potere avere l’esclusiva di zona? Parliamo di aziende con prodotti che costano al pubblico centinaia di euro ma anche ditte che producono cosmetici venduti anche in canali come erboristerie e grande distribuzione, con prezzi molto più ridotti.

Io penso che sia anacronistico e poco leale verso il mondo della farmacia: queste aziende promettono guadagni facili a farmacisti che evidentemente non hanno molta confidenza con le statistiche di magazzino, con i conti del commercialista e con quello che sta succedendo adesso nel canale farmacia.

Vent’anni fa forse, ma anche 10, era pensabile comprare 72 pezzi ma anche di più, di fiale anticaduta, con prezzo al pubblico pari a oltre 200euro.

Ma oggi avere nei nostri magazzini così tanti prodotti per migliaia di euro, con una rotazione non certo altissima, come era un tempo, è davvero rischioso.

Quindi il mio consiglio è di dire no alle aziende che propongono queste esclusive, chiedendo in cambio un così gravoso impegno.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali