25 settembre 2019 ~ 0 Commenti

Occhi secchi e cosmetici: che relazione c’è ?

La ricerca di una società scientifica, Tear Film and Ocular Surface Society, leader nelle ricerche sull’occhio, ha posto l’attenzione sull’utilizzo dei cosmetici per quanto riguarda le patologie dell’occhio secco. La ricerca ha evidenziato infatti come, alla stregua degli interventi chirurgici sulla palpebra, le iniezioni di tossine anti-aging e altre procedure cosmetiche, l’utilizzo dei cosmetici fai da te sia un fattore di rischio per le malattie dell’occhio secco.

Secondo lo studio, presentato recentemente a Roma, l’uso di cosmetici e in particolare l’utilizzo di make up, ancora più nello specifico il mascara, può essere un grave problema perché le particelle di trucco possono migrare sulla superficie dell’occhio, andando ad alterare il film idrolipidico.

La ricerca dice che, studiando l’utilizzo dei mascara, si rileva che dopo tre mesi di utilizzo dello stesso prodotto, i microbi sono presenti in oltre il 30% degli spazzolini, anche quando vengono utilizzati dalla stessa persona. Sullo spazzolino del mascara si concentrano cellule morte, acari, sebo, batteri, che vanno a contaminare tutto il prodotto. Inoltre è stato studiato come alcuni ingredienti dei cosmetici possono contribuire a assottigliare il film idrolipidico, favorendo così una rapida evaporazione, favorendo così la secchezza oculare.

C’è un’altra ricerca che ha dimostrato come, entro cinque minuti dall’applicazione, l’eyeliner migra all’interno dell’occhio per il 15-30%. E ancora, i retinoidi, contenuti in alcune creme contorno occhi, esplicano la loro azione negativa sulla funzione di ghiandole vicino all’occhio, peggiorando la secchezza.

Fonte: Ansa

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali