06 marzo 2014 ~ 1 Commento

Percentuale dermocosmesi sul fatturato della farmacia

Fino a qualche anno fa era impensabile superare una percentuale del 10% di fatturato derivato dal cosmetico in farmacia. Oggi ci sono realtà che mirano a superare il 25/30% (alcune ci sono già riuscite). Ancora poche, per la verità, ma basti pensare che la media italiana si è spostata da quel 6% che era molto basso e ora sta puntando alla doppia cifra a passi spediti.

Le farmacie performanti oggi si attestano al 12/14% e sono la maggioranza di quelle che trattano la dermocosmesi in maniera approfondita, che hanno responsabili di reparto formate e preparate e che hanno dedicato alla farmacia cosmetica un buon numero di metri lineari per l’esposizione dei prodotti.

Ma come si fa a raggiungere cifre più impattanti, vedi un 18/20% che sarebbe realmente interessante? Basta fare due calcoli sui margini che lascia il cosmetico in tasca al farmacista rispetto a quelli che oggi (e anche domani) lascerà il farmaco per capire quanto sia importante intraprendere una strada che punti a queste cifre.

Allora vi do piccoli suggerimenti, (pillole quotidiane possiamo definirle!) per cercare di migliorare il rendimento di reparti dermocosmetici performanti… ma non troppo!

  1. Formazione continua e approfondita del personale non solo sul cosmetico ma anche sul marketing e la comunicazione
  2. Formazione olistica del personale: tutti devono sapere consigliare il cliente a 360 gradi o quantomeno indirizzarlo verso un percorso di salute che tocchi più reparti della farmacia.
  3. L’esposizione deve essere mirata a far vedere al cliente non tanto le aziende presenti in farmacia, quanto i messaggi che la farmacia vuole trasmettere al cliente: le fiale per capelli esposte da sole fanno molto meno risultato di una esposizione che comprenda fiale, integratore mirato e scelto dalla farmacia (magari di un’altra azienda rispetto alle fiale) e magari un cartello con i consigli del farmacista contro la perdita dei capelli.
  4. Aumentare le giornate dedicate a temi particolari: il cliente viene invogliato dalle novità
  5. Offrire servizi di consulenza personalizzati: test e macchinari per la valutazione della pelle
  6. Per chi ha cabina estetica, creare un cross selling vincente tra i comparti
  7. Aumentare la rotazione di esposizione: una volta al mese il cliente deve trovare un nuovo ‘tema’ visibile e riconoscibile.

To be continued! Buona giornata

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali