27 settembre 2019 ~ 1 Commento

Quando lo smog è utile alle vendite dei cosmetici…

Lo smog delle città contribuisce all’aumento dei fatturati di vendita dei cosmetici. È una realtà e se ci pensate è anche facilmente intuibile. Se però a dirlo è il grande capo de L’Oreal, ovvero il gruppo numero uno al mondo per le vendite di cosmetici, si scatena una polemica.

Jean-Paul Agon, numero uno del gruppo L’Oreal da 41 anni, ha fatto una dichiarazione riportata poi online, secondo cui, se si vive in città, la pelle i capelli hanno più bisogno di cure rispetto alle persone che vivono nelle campagne. Ecco perché, secondo il numero uno di L’Oreal, le persone che vivono nelle metropoli hanno necessità di comprare più shampoo, prodotti per la pelle, detergenti, protezioni e maschere detossinanti. Sempre secondo Agon, infatti, la vita nelle città è correlata a una maggiore socializzazione e quindi un maggior bisogno di utilizzo di cosmetici.

Agon è andato oltre e ha parlato anche del fatto per cui i social network aumentano la percezione del bisogno di bellezza, per cui le persone tendono a prendersi cura di sé per imitare e per essere belli anche online.

Dopo queste dichiarazioni, addirittura un parlamentare britannico ha denunciato le parole del Patron di L’Oreal definendole spaventose e irresponsabili.

Secondo la mia opinione, invece, Agon ha fotografato la realtà dei fatti. L’Oreal da sempre si batte per un ambiente più pulito quindi non credo assolutamente che il capo tifi per lo smog nelle città per aumentare i fatturati dell’azienda.

Di vero c’è che l’ambiente dove viviamo ci spinge a contrastare la negatività dovuta a particelle e clima, che rovinano pelle e capelli quotidianamente. Tanto che molti lanci di cosmetici innovativi si concentrano proprio sull’attività detossinante e antismog, per quanto riguarda la detersione dei capelli ma anche la protezione della pelle.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali