07 settembre 2020 ~ 0 Commenti

Skin positivity

Aveva iniziato quest’estate Aurora Ramazzotti, postando su Instagram una sua foto struccata in cui si riconoscevano i segni dell’acne. Una foto che normalmente potrebbe essere ritoccata, modificata e comunque non pubblicata ma che la giovane figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker ha voluto mostrare proprio per come era. Ha spiegato che non c’è nulla da nascondere, e che la bellezza naturale è fatta anche di difetti. Il filone è stato ripreso pochissimi giorni fa durante la mostra del cinema di Venezia dalla blogger Giulia De Lellis, che ha voluto sfilare sul red carpet mostrando, anche lei, i segni dell’acne giovanile. L’hashtag che ha usato per mostrare le foto, #skinpositivity, vuole proprio sdoganare la visibilità delle imperfezioni, per far sì che le giovani che soffrono di questa problematica cutanea non si debbano più sentire a disagio e obbligate a nascondersi dietro a filtri e trucchi. Va in scena quindi una nuova normalità, dopo anni fatti di rincorsa alla perfezione, di ricerca della bellezza a tutti i costi, del dovere nascondere i difetti quasi come a voler dire che ci sono persone che non ne hanno. Finalmente forse si sta ritrovando un equilibrio e queste ragazze fanno bene a mostrarsi, e a dare un esempio di positività. La pelle va curata e certamente si possono trovare rimedi per accelerare la guarigione dell’acne, ma l’ammissione del problema è la prima fase della risoluzione.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali