15 gennaio 2020 ~ 0 Commenti

Terrorismo sui blog

Oggi voglio riprendere un argomento che ha messo in luce mia sorella la cosmetologa Giulia Penazzi, sul suo account Instagram.

In pratica viene ripreso, e non è la prima volta, un post su un importante blog femminile, in cui si demonizza completamente l’utilizzo nei cosmetici di alcune sostanze. La cosmetologa si chiede, a mio parere giustamente, perché se questi ingredienti sono permessi dalla legge europea, si demonizzano in maniera così perentoria. Si parla di sostanze tossiche e schifose. I siliconi addirittura vengono presentati come qualcosa di inaccettabile, ma nello scrivere queste cose c’è molto spesso un’onda di poca conoscenza dovuta all’opinione pubblica, alle notizie che girano su internet, che negli ultimi anni hanno portato a parlar male di qualunque sostanza chimica, senza pensare che magari non è proprio così la verità.

Se non ci fossero i siliconi, il 90% del make-up non risulterebbe così bello e non verrebbe probabilmente utilizzato.

I siliconi si utilizzano per ridurre le cicatrici e in ambiente medico, ad esempio, con grandi risultati.

Se ci sono negli INCI dei prodotti cosmetici in commercio delle sostanze vuol dire che ci possono essere e chi fa le leggi, credetemi non sono i primi arrivati e se in Europa dicono che ci possono stare queste sostanze, vuol dire che davvero non c’è nessun tipo di rischio per la salute.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali