30 settembre 2020 ~ 0 Commenti

Un 2020 col segno meno per la farmacia

La riunione annuale di Cosmetica Italia, con i dati sull’andamento dei fatturati, quest’anno si è svolta in modo virtuale, come del resto ormai avviene per moltissimi eventi che prima erano residenziali.

Per il mondo della farmacia quest’anno non sta andando così male, a quanto pare, rispetto agli altri canali di vendita. Perdiamo Infatti circa il 2%, contro una perdita del 1,8% della grande distribuzione.

Sono numeri che se guardati in maniera assoluta non dovrebbero farci piacere, ma se li paragoniamo alle perdite degli altri canali di vendita di sicuro possiamo stare abbastanza tranquilli, rispetto ad esempio al mondo della profumeria, che proprio a causa del covid perde il secondo posto a nostro favore nelle vendite di cosmetici in Italia. La stima è quella di una perdita del 29% del fatturato. Sugli stessi livelli ci sono i centri estetici e i parrucchieri, valori dovuti ovviamente tutti alle chiusure dei mesi in lockdown. Allo stesso tempo non impressiona un più 35% delle vendite on-line.

In generale la perdita di fatturato di cosmetici in Italia, per il 2020, è di 9,3%.

Ottimisti i dati previsionali di Cosmetica Italia sul 2021: oltre il 60% degli intervistati per l’indagine congiunturale si dimostra ottimista per una ripresa della normalità già a partire dall’anno prossimo.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali