30 ottobre 2018 ~ 0 Commenti

Uomo e cosmetici: sì, no, forse

Ne abbiamo già parlato altre volte, ma è sempre affascinante ragionare su un mercato che ha nel suo essere un sacco di incertezze, dubbi e momenti in cui sembra poter decollare mentre altri in cui se non ci fosse nessuno se ne accorgerebbe . Parliamo dei cosmetici per uso uso maschile.

Secondo l’elaborazione del Centro Studi di Cosmetica Italia, su database Mintel, negli ultimi vent’anni c’è stata un’evoluzione particolarmente significativa dei lanci di cosmetici con target maschile nel mondo. Per darvi un’idea, nel 1998 sono stati immessi sul mercato 444 nuovi prodotti dedicati all’uomo. Nel 2008 erano 3535; nel 2018 sono 6985. Per dovere di cronaca, il 2018 segna una riduzione del numero dei cosmetici da uomo presentati nel mondo, mentre gli anni più proficui per questo mercato sono stati gli ultimi due, ovvero il 2016 e 2017. Nel 2016 si è registrato il maggior numero di prodotti , ovvero 8434.

In realtà, come segnala anche Cosmetica Italia, il monitoraggio di prodotti ad uso maschile è difficile perché non vengono etichettati dai tradizionali istituti di ricerca: questo fa sì che non vengano riconosciuti come cosmetici da uomo e inseriti nelle statistiche globali.

L’esempio più classico sono i prodotti per la cura del viso: si è passati infatti dai semplici dopobarba alle creme lenitive, nutrienti e coprenti degli inestetismi della pelle . Tutti prodotti in realtà più vicini all’universo femminile.

Ma la pelle dell’uomo ha in effetti delle necessità diverse da quelle della donna e va gestito in maniera totalmente diversa, anche in ambito farmacia. É infatti quasi impensabile consigliare un cosmetico a un uomo parlandogli vicino a trucchi, rossetti e quant’altro.

Occorrerebbe infatti uno spazio dedicato all’uomo, che lo possa far sentire in un ambiente più consono. Parliamo quindi di un reparto che si avvicina di più a quello degli integratori per sportivi, ad esempio ma anche dell’ igiene corpo o igiene orale.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali