11 Novembre 2021 ~ 0 Commenti

Macchie macchie delle mie brame, qual è la più scura del reame?

La comparsa di macchie cutanee è sempre più diffusa negli ultimi anni. Le cause possono essere molteplici, tra le più diffuse vi sono: la presenza di fattori ormonali (molte discromie si sviluppano durante la gravidanza o l’allattamento, oppure in seguito all’assunzione di contraccettivi orali), la conseguenza dell’assunzione di alcuni farmaci, l’invecchiamento e l’eccessiva esposizione al sole, a certi inquinanti ambientali o al fumo di sigaretta, o la reazione iperpigmentaria che segue alcune infiammazioni cutanee.
Alla base dell’accumulo di melanina cutaneo, probabilmente, vi sarà anche una zona dove i melanociti rimangono più attivi e continuano a produrre il pigmento, pertanto l’intervento del dermatologo, con laser o luce pulsata andrà ad agire a monte laddove si origina la melanina.
A livello cosmetico si può intervenire su più fronti con sostanze funzionali che lavorano in sinergia:
. riducendo la stimolazione dei melanociti con protezioni UV;
. promuovendo la rimozione del pigmento già formato con esfolianti chimici;
. contrastando la sintesi della melanina (ad esempio arbutina, estratto liposolubile di liquirizia, acido azelaico, hexylresorcinolo, acido cogico, acido traxenamico, etc.), associando anche antiossidanti come acido ascorbico, acido ellagico, etc.;
. ostacolando il passaggio del pigmento dai melanociti ai cheratinociti (niacinamide, estratto di Pancratium matritimunm).
Per schiarire una macchia cutanea occorre essere molto costanti, applicare il prodotto mattina e sera ed evitare l’esposizione al sole senza protezioni adeguate.

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali